Istituto Comprensivo di Fiano
giovedì 21 dicembre, 2017
Circ. n. 27 - Elaborazione del Bilancio di competenze e del Patto di sviluppo professionale dei docenti neo assunti in ruolo

Si riassumono i primi adempimenti del docente neo assunto e del docente tutor.

Il docente neo assunto:

  • elabora il Bilancio di Competenze iniziale; obiettivo: connettere le esperienze maturate in precedenti ambiti professionali e personali per fare il punto sulle competenze possedute e su quelle da potenziare; è un dispositivo pedagogico per far emergere la percezione di autoefficacia del docente rispetto ad alcune delle complesse funzioni che è chiamato a svolgere durante il proprio lavoro;
  • definisce un patto formativo insieme con il dirigente scolastico ed il tutor sulla base del bilancio delle competenze, tenuto conto dei bisogni della scuola: vi si stabiliscono gli obiettivi di sviluppo delle competenze di natura culturale, disciplinare, didattico- metodologica e relazionale, da raggiungere attraverso le attività formative previste; si delineano quindi alcuni impegni e percorsi formativi per migliorare la propria professionalità nel contesto della scuola in cui si opera;
  • raccoglie la documentazione di fasi significative della progettazione didattica, delle attività didattiche svolte, delle azioni di verifica intraprese da riportare poi sul Portfolio professionale, che sarà rimesso, in formato digitale, insieme al Bilancio conclusivo delle competenze, al Dirigente Scolastico che lo porrà a disposizione del Comitato di Valutazione.

Il docente tutor:

  • collabora con il docente neo assunto per la definizione del Bilancio di competenze iniziale;
  • collabora con il docente neo assunto ed il Dirigente scolastico alla stesura del Patto formativo per il docente neo assunto;
  • favorisce la partecipazione del docente neo assunto ai diversi momenti della vita collegiale della scuola ed esercita ogni utile forma di ascolto, consulenza e collaborazione per migliorare la qualità e l’efficacia dell’insegnamento.
  • predispone momenti di reciproca osservazione in classe (fase peer to peer);
  • potrà collaborare con il docente neo assunto nell’elaborazione, sperimentazione, validazione di risorse didattiche e unità di apprendimento;
  • durante la fase peer to peer potrà aiutare il docente neoassunto a comprendere meglio il proprio stile di insegnamento, anche al fine di potenziare gli ambiti di competenza su cui si desidera lavorare maggiormente;
  • presenterà al Dirigente Scolastico e quindi al Comitato di Valutazione le risultanze emergenti dall’istruttoria compiuta in merito alle attività formative predisposte ed alle esperienze di insegnamento e partecipazione alla vita della scuola del docente neo-assunto.

Il Dirigente Scolastico:

  • Acquisisce il Bilancio di competenze iniziale dal docente neo assunto;
  • Condivide con il docente neo assunto ed il suo tutor il patto formativo;
  • Può programmare, oltre al peer to peer con il docente tutor, ulteriori momenti di osservazione in classe con altri docenti;
  • Monitora l’anno di prova – formazione del docente neo assunto con le modalità che riterrà opportune e adeguate per procedere poi alla valutazione di competenza, che sfocerà nella conferma in ruolo o nel rinvio del periodo di prova all’a.s. successivo (in caso di valutazione negativa il periodo di formazione e prova è rinviabile una sola volta).

Precisazioni sulla fase Peer to peer (formazione tra pari):

  • L’attività di osservazione in classe, svolta reciprocamente dal docente neo-assunto e dal tutor, è finalizzata al miglioramento delle pratiche didattiche, alla riflessione condivisa sugli aspetti salienti dell’azione di insegnamento. L’osservazione è focalizzata sulle modalità di conduzione delle attività e delle lezioni, sul sostegno alle motivazioni degli allievi, sulla costruzione di climi positivi e motivanti, sulle modalità di verifica formativa degli apprendimenti.
  • Le sequenze di osservazione sono oggetto di progettazione preventiva e di successivo confronto e rielaborazione con il docente tutor e sono oggetto di specifica relazione del docente neo-assunto. Alle attività di osservazione sono dedicate almeno 12 ore.

Al fine del superamento dell'anno di prova il docente deve effettuare 180 giorni di servizio di cui 120 di effettiva attività didattica.

 

Dal D.M. 850 del 27-10-2015

art. 4. (Criteri per la valutazione del personale docente in periodo di formazione e di prova)

 

1.Il periodo di formazione e di prova è finalizzato specificamente a verificare la padronanza degli standard professionali da parte dei docenti neo-assunti con riferimento ai seguenti criteri:

a. corretto possesso ed esercizio delle competenze culturali, disciplinari, didattiche e metodologiche, con riferimento ai nuclei fondanti dei saperi e ai traguardi di competenza e agli obiettivi di apprendimento previsti dagli ordinamenti vigenti;

b. corretto possesso ed esercizio delle competenze relazionali, organizzative e gestionali;

c. osservanza dei doveri connessi con lo status di dipendente pubblico e inerenti la funzione docente;

d. partecipazione alle attività formative e raggiungimento degli obiettivi dalle stesse previste.

 

Si invitano, pertanto, i Docenti neo assunti a redigere il Bilancio delle competenze iniziale con la collaborazione del docente tutor, avvalendosi degli strumenti forniti dall’INDIRE su apposita piattaforma, e una proposta di patto per lo sviluppo professionale, di cui si allega modello, da condividere con il Dirigente Scolastico.

I suddetti documenti sono da presentare entro il 30 gennaio 2017.